social-media-marketing
Social Media Marketing: i 3 principali errori che non devi fare!

Il Social Media Marketing è una delle attività del Web Marketing che consente a brand ed aziende di presenziare la rete in modo più o meno efficace.

Online esiste ancora tanta confusione riguardo ai Social Media: ad esempio, c’è ancora che pensa che fare Social Media significhi aprire una pagina Facebook in qualche secondo, senza curarsi dell’inserimento di tutte le informazioni sull’azienda e di una corretta e coerente immagine grafica, e aspettare l’illuminazione per scrivere qualcosa di interessante. Partiamo con il capire prima di tutto cosa non è, ma anche cosa è il Social Media Marketing, almeno secondo la nostra visione e la nostra esperienza.

SOCIAL MEDIA MARKETING: COSA NON È?

  1. Un modo per passare il tempo divertendosi sui Social Networks
  2. Un tentativo ludico di mostrare la propria azienda online
  3. Un’attività semplice, che tutti posso realizzare in qualche ora, senza particolari competenze o expertise
  4. Un’attività gratis, che non comporta alcun tipo di investimento

SOCIAL MEDIA MARKETING: COSA È?

  1. Una proficua attività di Web Marketing che, se curata professionalmente, aumenta la visibilita’ del brand/azienda, costruendo o consolidando uno specifico posizionamento online
  2. Uno strumento per creare e/o rafforzare un’ottima Brand Reputation
  3. Un prezioso canale di Customer Care
  4. Un mezzo attraverso cui stabilire una relazione duratura con gli utenti, attuali o potenziali clienti, instaurando un dialogo diretto con essi per capirne bisogni, desideri e necessità, per poi attivarsi per colmare quei bisogni, cogliendo grandi opportunità di business
  5. Una delle attività per generare business: attenzione, non dobbiamo confondere “business” con solo “soldi”. Business, infatti, può essere anche raccogliere contatti, fare Lead Generation, creare un evento di 400 persone, essere in grado di usare solo i Social Networks per esercitare Customer Care. Il concetto di “business” è correlato agli obiettivi che ci si pone.

QUALI SONO I 3 PRINCIPALI ERRORI ASSOCIATI AL SOCIAL MEDIA MARKETING?

  1. Pensare che i Social Media generino automaticamente e rapidamente un incremento di vendite. I Social contribuiscono ad aumentare il fatturato indirettamente, ma non sono il principale elemento di vendita. Sui Social le persone non sono propense a comprare un prodotto o servizio, perchè mentre sono su Facebook o Instagram, ad esempio, vogliono rilassarsi e sono bel lontani dal pensare di tirare fuori la carta di credito o digitare la password di PayPal. Il Social Media Marketing è molto importante durante la Customer Journey dell’utente, poichè spesso l’utente vede la pubblicità di un prodotto su Facebook (di cui magari ignorava completamente l’esistenza), clicca sull’inserzione per vedere di cosa si tratta, poi esce perchè non e’ interessato ad acquistare in quel momento. Il giorno dopo, incuriosito, cerca più informazioni su quel prodotto su Google e, successivamente, curiosa sul sito dell’azienda e sui blog o forum per vedere se è presente qualche recensione del prodotto e capire se l’acquisto può davvero valerne la pena. Dopo qualche giorno opta per l’acquisto, comprando direttamente sull’e-commerce aziendale. In un caso come questo, non si può certo dire che Facebook abbia generato una vendita diretta, ma possiamo affermare con sicurezza che è stato il punto di partenza: grazie alla pubblicità su Facebook, l’utente ha conosciuto e si è interessato al prodotto, anche se poi l’ha acquistato sull’ecommerce.
  2. Pensare che il Social Media Marketing sia gratis. Ogni azienda dovrebbe prevedere un investimento per Facebook Ads, il sistema di campagne pubblicitarie su Facebook, per fare in modo che i post vengano davvero visualizzati dal target di riferimento e/o gli utenti possano atterrare su un determinato sito o landing page partendo da Facebook, consentendo di incrementare il numero di clic al sito web o alla pagina che si desidera promuovere e su cui si desidera che l’utente compia una specifica azione (call-to-action). Pensare ad un budget per il Social Media Advertising (non solo Facebook, ma anche Linkedin, Twitter e cosi’ via, dipende dagli obiettivi e dalla strategia aziendale) è fondamentale. Il Social Media Marketing non è gratis anche perchè è necessario investire in risorse qualificate: lo stagista o l’amico di fiducia non possono avere le competenze per comunicare un brand online. Sono necessarie: esperienza, formazione continua e predisposizione. O ci si rivolge ad un consulente esterno (nella maggior parte dei casi) o si assume una risorsa interna all’azienda.
  3. Pensare di “tentare”. Il Social Media Marketing ha bisogno di essere integrato in una strategia di Marketing ben strutturata ed organizzata. Nulla deve essere lasciato al caso.

Sceglieresti mai a caso su quali testate fare pubblicità ai tuoi prodotti senza rivolgerti ad una concessionaria media?

Scriveresti comunicati stampa a caso e li invieresti senza logica ad una confusa mailing list di giornalisti?

Non credo proprio. Ecco, anche il Social Media Marketing deve essere inglobato insieme ad altre attività online, come SEO, SEM, Digital P.R., Email Marketing e così via, in un progetto strutturato di Web Marketing per creare e mettere in pratica un Piano di Comunicazione Online efficace per raggiungere gli obiettivi posti.

Fare Social Media Marketing non è affatto semplice, non solo per chi è alle prime armi, ma anche per chi già vi lavora da diversi anni poichè ogni volta si ricomincia da capo: ogni azienda rappresenta un caso a se’, ogni brand è una storia a parte, che merita di essere considerata come case history unica. Ecco perchè il confronto con altri esperti, il captare spunti interessanti di altre strategie, osservare case study nuovi sono elementi fondamentali per chi lavora online: l’evento Social Media Marketing Day che si terra’ il 22 Giugno a Milano, è stato pensato proprio per ascoltare e fare tesoro di esperienze Social Media di specialisti per poi tornare al lavoro più ricchi di know-how e più appassionati di prima di “voglia di fare”!